Sardegna: itinerari e camping da Posada a Orgosolo

La Sardegna è una terra che stupisce sempre: antica isola in cui natura superba, tradizioni antiche e affettuosa ospitalità, regalano a tutti dei soggiorni indimenticabili. Oggi vi parlo della prima parte di un lungo viaggio durato un mese attraverso il nord della Sardegna: da est verso ovest, un itinerario indimenticabile che punta al  cuore, la Barbagia.

VISITARE LA COSTA EST DELLA SARDEGNA

COSA VEDERE A POSADA 

Posada è una tappa ideale perché consente di riposarsi dopo le fatiche del viaggio senza rinunciare a una prima giornata di mare. Approdati a Olbia, si giunge a destinazione in circa un’ora. Dopo aver posteggiato il furgone, aperto la veranda, ed esserci registrati alla reception, alle 16 eravamo già in spiaggia.

Il Camping Ermosa è un po’ caro, lo ammetto, ma si trova a soli 100mt dalla spiaggia bianca di Su Tiriarzu ed è totalmente immerso nel verde. E’ un luogo tranquillo dotato di tutti i comfort, adatto a chi vuole rilassarsi. Se decidete di soggiornare qui non aspettatevi animazione e serate danzanti.

Cosa vedere in Sardegna
Posada. Spiaggia Su Tiriarzu

La cosa meravigliosa di Posada è il territorio caratterizzato da una natura per lo più selvaggia e incontaminata che la fa da padrona. Il Comune negli ultimi anni ha investito molto sul territorio realizzando una fitta rete di piste ciclabili che rendono possibile muoversi con molta facilità nei dintorni, senza essere obbligati all’uso della macchina. Grazie a questa rete di piste ciclabili potrete tranquillamente pedalare nei dintorni costeggiando, ad esempio, il grande stagno di Posada che ospita numerose varietà di uccelli e che in Maggio si colora di rosa grazie all’arrivo dei fenicotteri.

Cosa vedere in Sardegna
Posada. Ciclabile lungo il fiume

A fianco del camping scorre uno dei tanti rami in cui si divide il più lungo Rio Posada che, procedendo integro tra gole, boschi e acquitrini, raggiunge la lunghezza di ben 60Km. Chi ama gli sport all’aria aperta non può perdere la possibilità di esplorare la zona circostante anche in Kayak. Veramente una bella esperienza.

Cosa vedere in Sardegna
Rio Posada. Gita in Kayak

Il borgo di Posada è molto antico, ha origini Medievali ed è caratterizzato dalla presenza dell’imponente Castello della Fava che sovrasta la rocca su cui è adagiato il paese e da cui si gode una vista spettacolare.

Cosa fare a Posada 

  • passeggiare lungo i 5km di spiaggia libera e bianchissima
  • raggiungere, sulla destra, la torre S.Giovanni che si affaccia sul mare nell’omonimo litorale. La sua costruzione risale al ‘500 e aveva lo scopo di difendere il feudo di Posada
  • rilassarsi bevendo una birretta fredda all’ombra della pineta che si estende lungo il litorale S.Giovanni.
  • comprare il pesce al porto de La Caletta o imbarcarsi da qui verso il golfo di Orosei
  • visitare l’antico Castello della Fava. Al tramonto la vista è emozionante.
  • passare una serata nella vicina Budoni
Cosa vedere in Sardegna
Torre San Giovanni

CALA GONONE E IL GOLFO DI OROSEI

A circa un’ora di macchina, proseguendo verso sud, nella magnifica cornice del golfo di Orosei, c’è Cala Gonone. Qui abbiamo soggiornato al Sardinia Camping che si trova a pochi metri dal mare ed è immerso in una grandissima pineta che garantisce ombra durante tutto il giorno. A cala Gonone però la musica cambia. Dovevamo restare in questo camping sette giorni e alla fine abbiamo deciso di andarcene al quarto.

Cosa vedere in Sardegna

La verità è che Cala Gonone è ideale come base per esplorare le bellissime cale che si alternano una di seguito all’altra fino alla Punta di Capo Monte Santo. Cala Fuili, Cala Luna, Cala Mariolu, Cala Goloritzè. Per vedere tutte queste Cale è necessario però affittare un gommone o imbarcarsi su battelli che fanno la spola durante tutto il giorno. Vi immaginate cosa può diventare un luogo del genere durante l’alta stagione? Solo più tardi abbiamo scoperto che alcuni Sardi del versante Occidentale chiamano questo posto ‘Cala Gommone’ 😮

Cosa vedere in Sardegna

A onor del vero però, c’è da dire che il territorio del golfo di Orosei è veramente bellissimo e tutte le Cale che vi si affacciano sono sinceramente una più meravigliosa dell’altra. Chi dovesse essere allergico come me al sovraffollamento estivo può prendere in considerazione la possibilità di prenotare una gita dal porto della Caletta, vicino Posada. Viaggio un poco più lungo ma agli stessi prezzi e con meno confusione.

Cosa vedere in Sardegna
Supramonte Marino

Cala Gonone si trova alle pendici del cosiddetto Supramonte Marino. Caratterizzato dalla presenza di gole, inghiottitoi e grotte affascinanti è un luogo ideale per gli amanti del trekking, del climbing e dell’arrampicata. Se queste sono le vostre passioni allora potete tranquillamente ignorare la ressa che anima il porto e il traffico che scuote il mare.

Cosa fare a Cala Gonone

  • Trekking, climbing e arrampicate. Sono diversi i percorsi tracciati sulle pareti che proteggono le cale.
  • Una gita nelle grotte del bue marino. Si accede al prezzo di 8€
  • Una gita al villaggio nuragico Nuragheddu, uno dei più grandi di tutta l’isola, è composto da oltre 200 capanne e al suo interno si può vedere anche il Nuraghe Mannu che sorge sulla sommità della bellissima Cala Fuili.
  • Passeggiare tranquillamente lungo la via dei locali che anima la cittadina nel periodo estivo. Numerosi i ristoranti, i bar e le gelaterie. 
Camping Sardegna
Capo Monte Santo

BARBAGIA, CUORE DELLA SARDEGNA

SUPRAMONTE, SU GOLOGONE E ORGOSOLO

E qui lo devo dire: ci ho lasciato il cuore. Ho già scritto di Orgosolo, la città dei murales in cui ho potuto sperimentare il calore dell’accoglienza e il focoso temperamento Orgolese. Questo luogo mi ha talmente toccata che gli ho voluto dedicare da subito il primo post sulla Sardegna.

Barbagia in Sardegna
Supramonte. Barbagia

Orgosolo si trova nel cuore della Barbagia sul Supramonte, un complesso montuoso che occupa la parte centro-orientale della Sardegna. L’azione erosiva dei numerosi corsi d’acqua nell’arco dei millenni ha creato gole e voragini spettacolari contribuendo alla formazione di grotte – come quella del Bue Marino – o sorgenti d’acqua limpida, come Su Gologone.

Cosa vedere in Sardegna
Su Golugone

Su Gologone è una affascinante sorgente carsica che si trova nel comune di Oliena in provincia di Nuoro (se ci passate provate i biscotti!). L’acqua, freddissima e limpida, fuoriesce da una spaccatura nella roccia che poi si addentra nel sottosuolo fino alla profondità di oltre 130mt. Pare che alcuni esploratori abbiano perso la vita nel sondare questa gola che di fatto, crea quella che è ritenuta la più importante sorgente di tutta la Sardegna.

Nord Sardegna cosa vedere: Su Gologone
Su Golugone

Si accede dallo spiazzo antistante dove è possibile posteggiare l’auto gratuitamente. L’accesso alla fonte costa 2€ . La camminata è breve e dopo aver fatto le foto di rito alla gola ed esservi bagnati le gambe nell’acqua gelida non vi rimarrà molto da fare se non rilassarvi ed ascoltare in silenzio il rumore placido dell’acqua che scorre, aspettando che dalla radura emerga qualche mucca al pascolo.

Mucche bevono nelle acque di su Golugone in Barbagia
Su Gologone

A su Gologone c’è anche un’ampia zona ristoro molto carina, tutta in legno, perfettamente integrata con l’ambiente. Potreste decidere di mangiare una cosa qui per pranzo prima di ripartire per una nuova gita. Noi ci siamo lasciati cullare dal rumore del ruscello e dal cinguettio degli uccellini e dopo un bel caffè, abbiamo ripreso la marcia verso Orgosolo.

A Orgosolo ci siamo fermati al Camping Supramonte a soli 3km dal paese, 800mt sul livello del mare. I giorni che avevamo tolto a Cala Gonone li abbiamo regalati a questo luogo magico.

Nord Sardegna cosa vedere: Supramonte in Barbagia
Supramonte. Barbagia

La mia idea era quella di venire a visitare un paese famoso per i murales, popolato da pastori e nulla più. Credevo che mi sarei trovata in una zona aspra e piuttosto inospitale, per questo avevo deciso di dedicare non più di una notte a questa tappa del viaggio. Si sa, solitamente si viene su un’isola per godere del mare e si dà poca importanza al suo entroterra, poi invece può capitare che una spiaggia ci deluda e si cambi itinerario. E’ così che da quella delusione è nato un amore.

Nord Sardegna cosa vedere: murale ad Orgosolo
Orgosolo. Murale

Il nome Orgosolo deriva dal greco orgàs e significa ‘terreno fertile e ricco d’acqua’ – e io che pensavo che sarei approdata in una specie di deserto roccioso! In verità ci siamo trovati a soggiornare in un Camping totalmente immerso nel verde, a ridosso della foresta del Supramonte. Il campeggio offre la possibilità di sostare con camper o tende a prezzi veramente abbordabili. Chi ama le comodità può pernottare anche nelle tipiche case in pietra – direttamente affacciate sulla vallata – con formula B&B. E’ anche presente un Ristoro aperto sia a pranzo che a cena dove spesso gli stessi abitanti del luogo vengono a mangiare.

Nord Sardegna cosa vedere Barbagia
Supramonte. Barbagia

Appena fuori dal Camping è possibile incamminarsi attraverso i sentieri costeggiati da lecci, querce e ginepri. D’estate fa caldo è vero ma non è difficile imbattersi in fonti d’acqua freschissima dove è frequente incontrare persone del luogo che riempiono grandi taniche – la scorta d’acqua per quando dovesse sopraggiungere la siccità.

Il Camping offre la possibilità di realizzare diversi tipi di escursioni, noi abbiamo deciso di regalarci la gita in fuoristrada. Sveglia presto la mattina, siamo partiti insieme ad altre sei persone alla scoperta di quei tratti boschivi più impervi e difficili da raggiungere senza una guida del posto.

Sardegna occidentale cosa vedere: i boschi in Barbagia
Supramonte, Barbagia

Pietro ci ha spiegato tantissime cose e ci ha mostrato paesaggi commoventi e spettacolari. Ho scoperto un territorio percorso da fiumi, con inaspettati laghetti di montagna dove gli animali si muovono liberi tra vallate verdi e boschi incontaminati.

Un paesaggio antichissimo dove le vecchie case dei pastori si alternano alle rovine di piccole chiese abbandonate o ai reperti di lontane civiltà nuragiche. Una terra che chiede solo di essere ammirata, che infonde pace e ti rimette al mondo.

Sardegna occidentale cosa vedere: panorama in Barbagia
Supramonte. Barbagia

Cosa fare a Orgosolo

  • vedere i murales e prendersi una birra in paese
  • fare un’escursione in fuoristrada o in mountain bike
  • dedicarsi al trekking naturalistico
  • visitare i villaggi nuragici di Sedda ‘e Sos Carros e Tiscali, tra i più antichi e meglio conservati dell’isola
  • mangiare con i pastori
  • ascoltare in silenzio i rumori del bosco, lasciandosi cullare dalla magia del Supramonte

2 pensieri riguardo “Sardegna: itinerari e camping da Posada a Orgosolo

  • 22/06/2016 in 10:04
    Permalink

    Troppo bella la Sardegna. Ho visitato la Maddalena e ne sono rimasta veramente impressionata. Devo tornare per scoprire questi bellissimi luoghi. Unica pecca, come dici te, sono i prezzi dei campeggi!

    Risposta
    • 22/06/2016 in 13:23
      Permalink

      Ciao Roberta! la Sardegna non delude mai. I campeggi non sono tutti carissimi, certo in alta stagione al mare non ti regalano niente, ma comunque ho sempre trovato buone strutture. Sul Supramonte poi spendevamo veramente pochissimo: 15€ in due, immersi nel fresco del bosco e con la piscina che affacciava sulla vallata: bellissimo! prossimamente conto di pubblicare il resto dell’itinerario. A risentirci!

      Risposta

E tu, che ne pensi?