castello malaspina massa by Davide Papalini

Massa, molto più delle cave. Un piccolo gioiello in Toscana

“C’è qualcosa da vedere a Massa oltre alle cave?” – Questa la prima domanda che mi sono posta prima di partire, all’inizio di Novembre. Mi ha portata lì un lavoro di pochi giorni che, pur avendomi assorbita per gran parte del tempo, mi ha concesso l’occasione di scoprire una cittadina toscana che non conoscevo affatto e che, inaspettatamente, mi ha saputa stupire per la sua bellezza raccolta e fuori dal tempo.




MASSA: CENNI STORICI

Collocata ai piedi di quelli che Strabone chiamava “I monti della luna” – le Alpi Apuane – Massa è capoluogo della Provincia di Massa-Carrara e ha una storia antichissima che risale addirittura al neolitico.

La vera e propria fase storica iniziò con la dominazione romana: alla fine del I secolo a.C. era uno dei centri commerciali più fiorenti e popolati dell’Impero Romano. Fu però nel Medioevo che Massa vide il suo periodo di massimo fulgore, prima sotto la dominazione lucchese e poi sotto la signoria dei Malaspina. Nei secoli la reggenza della cittadina toscana cambiò più volte di mano passando per la famiglia di Napoleone e poi anche per quella degli Este. Una storia travagliata e ricca di eventi che, nel tempo, ha lasciato tracce indelebili.

E quindi torniamo a noi. Cosa c’è da vedere a Massa? Sicuramente il suo centro storico: un magnifico gioiello pieno di colore che rivela la magnificenza del passato che fu.

PIAZZA DEGLI ARANCI E PIAZZA MERCURIO

Una passeggiata nel centro storico di Massa, totalmente pedonale e quindi libero dal traffico, deve prevedere assolutamente una visita alle due piazze principali: la più grande e suggestiva, Piazza degli Aranci, e la più piccola e accogliente, Piazza Mercurio.

Piazza degli Aranci è così chiamata per via della presenza dei numerosi alberi d’arancio che la circondano e l’abbelliscono. È la piazza più grande e anche la più importante dell’antica Massa. Qui ha sede il grandioso Palazzo Ducale che, col suo color rosso, unito agli agli stucchi e ai portali marmorei, ne occupa tutto il lato orientale. Sembra che varcata la soglia del portone d’ingresso si giunga in un fastoso cortile circondato da colonne, scalinate, loggiati e portali in marmo. In fondo il ninfeo, un ambiente roccioso su cui troneggia la statua di Nettuno che cavalca le onde. Io ho potuto vedere il plazzo solo dall’esterno.

cosa vedere a Massa, piazza Mercurio

Piazza Mercurio prende nome, invece, dalla divinità che sovrasta la grande colonna di marmo posta proprio nel centro: Mercurio, Dio degli scambi e dei commerci. Luogo di incontro tra la città vecchia e la nuova, la Piazza rinascimentale era infatti dedicata al commercio ed era racchiusa da palazzi signorili e adornata da una fontana con posizione centrale. Spaziosa e accogliente Piazza Mercurio stupisce per il colore caldo dei palazzi che vi si affacciano e fa immediatamente venir voglia di fermarsi a riposare contemplandone la bellezza. Qui sono numerosi i bar e i ristoranti che fanno sì che la sera questo diventi anche il principale luogo d’incontro cittadino.

LA ROCCA E IL CASTELLO DEI MALASPINA

Da Piazza Mercurio è possibile imboccare la scalinata che conduce al simbolo di Massa: il Castello dei Malaspina. Costruito su una rocca che domina la città e vede tutta la costa fino a Livorno, il primo nucleo del Castello fu costruito nel X sec. dalla famiglia Obertenghi – discendenti di un’antica famiglia di duchi longobardi della Tuscia. Dopo secoli tormentati di guerre e successioni, il castello nel ‘300 passa nelle mani dei Malaspina e con loro, nel tempo, cresce e si modifica. Risale al periodo rinascimentale il momento della rivalutazione architettonica più profonda che vede, addirittura, la cancellazione quasi totale dell’antica cinta muraria medievale.

cosa vedere a Massa, castello malaspina. Foto dal web
Castello Malaspina

Oggi il castello si presenta composto dai grandi bastioni della cinta muraria su cui svetta il palazzo residenziale, con le caratteristiche architettoniche postmedievali che hanno sostituito le strutture più antiche. Il Castello purtroppo si può visitare solo nei weekend ma, seppure doveste capitare in visita nei giorni di chiusura, una passeggiata fin sulla vetta vale comunque la pena di essere fatta. Dalla rocca si vede il mare e si domina l’intera città.

 

SE VUOI ORGANIZZARE UNA VISITA VAI SUL SITO DEL CASTELLO MALASPINA

IL DUOMO DI MASSA

Duomo di Massa.

Scendendo la scalinata che dalla rocca porta in città passerete di nuovo in piazza degli aranci e da qui, proseguendo verso via Cavour, non potrete fare a meno di notare, sulla vostra destra, la grande facciata bianca del Duomo di Massa. È stupefacente l’effetto che fa questo edificio alla vista di un turista. Le stradine del centro di Massa sono piuttosto strette e non ci si aspetta la presenza tanto maestosa di una simile architettura.

Sorta sulle macerie del precedente convento di San Francesco la chiesa fu consacrata nel 1389 e fu designata come Duomo della città solo ai primi dell’Ottocento, in seguito alla folle demolizione dell’antica Cattedrale avvenuta per volere della sorella di Napoleone.

Buona parte degli interventi che ci restituiscono l’attuale struttura risalgono al ‘600 e sono stati resi possibili grazie all’apporto economico del cardinale Alderano Cybo-Malaspina. La facciata marmorea – che risale al 1936 – è introdotta da un’imponente scalinata che conduce a un porticato attraverso il quale si accede all’interno.

Dallo stile tipicamente barocco, il tempio è impreziosito da un monumentale altare maggiore. Da segnalare la cappella Cybo, realizzata secondo i dettami più tipici del tempo, è dotata di un altare al centro del quale è possibile ammirare l’affresco di una Madonna con il Bambino del Pinturicchio. Nel novembre 1964 papa Paolo VI ha elevato il Duomo di Massa alla dignità di basilica minore.

IL TEATRO GUGLIELMI

Si trova all’imbocco del centro storico, lì dove inizia la zona pedonale. È il luogo che ho potuto vedere meglio poiché proprio qui ero venuta a lavorare. Un teatro relativamente moderno – inaugurato nel 1886, sostituì il seicentesco teatrino di corte interno al palazzo Ducale – il teatro Guglielmi conserva il fascino dell’antico e credo che meriti assolutamente una visita.

Ph dal sito FTS

La struttura è quella tipica del teatro all’italiana, con la forma ellittica; la presenza di palchi tra loro separati e divisi per ordini; la notevole profondità scenica che permise, al tempo, l’utilizzo delle quinte prospettiche e la possibilità per l’attore, di recitare dentro e non davanti alla scena, come era invece consuetudine nel teatro rinascimentale. Dedicato al musicista massese Pietro Alessandro Guglielmi (1728-1804) , l’edificio fu progettato dall’architetto Vincenzo Micheli.

ALTRE COSE DA VEDERE A MASSA

Ebbene, il mio breve giro turistico si ferma qui. Nei pochi giorni in cui ho potuto alloggiare a Massa, davvero esiguo è stato il tempo da dedicare alle visite di piacere. Il proposito di tornare però c’è perché la graziosa cittadina toscana si è rivelata veramente ricca di bellezze ed attrattive. Ecco cos’altro è possibile vedere a Massa (e non dimenticate che lì vicino c’è anche il mare!):

  • Il Rifugio antiaereo della Martana. Situato nel centro storico della città, era capace di ospitare migliaia di persone. Venne realizzato in circa un anno di lavoro tra il 1942 e il 1943 da minatori veneti provenienti da Belluno.
  • Villa della Rinchiostra. L’edificio ripropone il contrasto di colori del palazzo ducale, rosso e bianco. Oggi è sede della Scuola comunale di musica e del Museo civico Raccolta “Gigi” Guadagnucci, scultore massese del ‘900.
  • Il Museo Diocesano. Si trova nel centro di Massa, a due passi dal Palazzo Ducale e da Piazza Aranci. La sezione dedicata alla Cattedrale dei Santi Pietro e Francesco racconta la storia di due degli edifici più antichi della città. Le altre sezioni, raccontano invece l’eterogeneità del panorama artistico diocesano attraverso l’esposizione di  opere di scultura, pittura, oreficeria e di arte tessile.

 

PER SAPERNE DI PIÙ POTETE VISITARE IL SITO DEL COMUNE DI MASSA



 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.