Skip to content

La cicala sull'amaca


A passeggio nella Riserva Naturale dell’Insugherata

A passeggio nella Riserva Naturale dell’Insugherata

La Riserva Naturale dell’Insugherata è un’area naturale protetta che occupa una superficie di circa 740ha nel territorio del comune di Roma, tra la via Trionfale e la via Cassia. Presenta numerosi reperti archeologici al suo interno oltre a costituire un corridoio naturalistico tra l’area urbanizzata a nord di Roma ed il sistema naturalistico Veio-Cesano, a nord-ovest della capitale. Dopo anni in cui l’accesso è stato ostruito o limitato a piccole aree, a Gennaio 2016 è finalmente successa una cosa…

IL GIUBILEO STRAORDINARIO

Come molti sapranno la via Francigena, che dalla Francia conduce a Roma, vede il suo ultimo tratto confluire sulla via Trionfale. L’antica via romana è uno degli ingressi a nord della città; da qui si arriva dritti al Vaticano. Ma come favorire quegli stanchi pellegrini costretti a percorrere gli ultimi chilometri praticamente immersi nel traffico, con l’evidente pericolo di poter incappare in qualche incidente? Aprendo un varco nella Riserva, ecco qua!

Pannello via Francigena sul Percorso Riserva Naturale Insugherata Roma

Insomma, non che prima fosse totalmente impossibile accedervi, ma questo accadeva solo in alcuni tratti e per pochi metri. La fantastica novità è che ora è invece possibile regalarsi lunghissime passeggiate, non solo percorrendo i 4,5Km previsti dal percorso che unisce la via Cassia al quartiere di Monte Mario, ma anche lungo i sentieri alternativi che si diramano qua e là costeggiando campi arati o inoltrandosi nel fitto del bosco, seguendo i corsi d’acqua.

Piccolo corso d'acqua nella Riserva Naturale dell'Insugherata a Roma




LA RISERVA DELL’INSUGHERATA: UN PARADISO PER LA BIODIVERSITA’

Istituita nel 1997 la Riserva Naturale dell’Insugherata è un vero e proprio polmone verde che testimonia con la sua presenza, ciò che resta di quella campagna romana tanto esaltata da artisti e poeti stranieri in epoche passate e che ormai è perlopiù estinta. Un tesoro dunque, che custodisce – a soli 10km dalla basilica di San Pietro – dei tratti boschivi tra i più ampi e antichi della città. Tratto della via Francigena nella Riserva dell'Insugherata

L’emblema della riserva è la quercia da sughero: qui dimorano esemplari addirittura secolari, tutt’oggi in buone condizioni. Dei veri e propri sopravvissuti, considerando la forte antropizzazione che invece caratterizza le zone circostanti.

Nelle belle giornate di primavera è un piacere poter venire a passeggiare qui. Se siete amanti della natura e avete voglia di staccare un attimo uscendo dal caos cittadino, regalatevi una mattinata in questo luogo magico. In primavera potrete fotografare i fiori di tutti i colori di cui si tingono i prati, osservare i rospi negli acquitrini, le farfalle variopinte, i germani reali come le gallinelle d’acqua.

Fiori di ciliegio nella Riserva Naturale dell'Insugherata a Roma

La Riserva Naturale dell’Insugherata è gestita dall’Ente Regionale Roma Natura che, oltre a prendersene cura, rende possibile la realizzazione di visite guidate a tema all’interno dell’area, con uscite anche notturne.

Se siete dunque decisi a regalarvi una gita in questo paradiso cittadino vi raccomando di fare però attenzione:

  • Non uscite dai sentieri e non sconfinate sulle aree seminate. Qui c’è molta gente che lavora.
  • Abbiate rispetto dei campi e badate al fatto che in alcune aree dedicate al pascolo potreste imbattervi in greggi di pecore accompagnate da cani pastori.
  • Portatevi scarpe comode, panini, acqua a volontà e un bel telo da stendere sul prato per fare un rilassante picnic in famiglia o una romantica merenda in coppia.
  • Mi raccomando, quando andate via, pulite bene tutto.

Accessi alla Riserva

LATO Cassia – via Cassia 1081  – via Tomba di Nerone  – via dell’Acqua Traversa

LATO Trionfale – via Paolo Emilio Castagnola  – via Augusto Conti




2 comments

  • Stamping the World

    novembre 4, 2016

    Ci abito vicino e non ci sono mai stata! Una vergogna, lo so!
    Appena ho visto il tuo articolo su facebook me lo sono andata a leggere e l’ho segnato nella mia “to do list”, magari in primavera! 🙂

    • Lucilla

      novembre 4, 2016

      Eccoti! In questo periodo è ancora bellissimo ma, visto che l’inverno si avvicina, direi che la prossima primavera è il periodo più adatto. Magari andiamo insieme. ciao cara!

Commenta