Skip to content

La cicala sull'amaca


L’Ara Com’era: visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis a Roma

L’Ara Com’era: visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis a Roma

Un racconto che unisce storia e tecnologia. L’Ara Com’era è il primo intervento sistematico di valorizzazione in realtà aumentata e virtuale del patrimonio culturale di Roma Capitale. Fino ad Ottobre 2017 cittadini e turisti hanno l’occasione di assistere all’innovativo archeoshow tutti i giorni della settimana. 

L’Ara Pacis Augustae (altare della pace augustea) è uno dei più importanti capolavori dell’arte romana, costruito tra il XIII e il IX sec. a.C. per celebrare la pace e la prosperità raggiunte come risultato della Pax Romana. Originariamente posto in una zona del Campo Marzio consacrata alla celebrazione delle vittorie, l’Ara Pacis è un monumento chiave nell’arte pubblica augustea e si distingue per il suo eclettismo e per la commistione di stili diversi: quelli della Grecia classica (nei fregi delle processioni e nei pannelli), e quelli dell’arte più strettamente “romana” (nel fregio dell’altare).

L’ARA COM’ERA, UN VIAGGIO TRA REALE E VIRTUALE

ara com'era roma
Ricostruzione a colori dell’Ara Pacis di Roma

Lanciato il 14 ottobre 2016, l’innovativo racconto sull’Ara Pacis e sulle origini di Roma che tanto successo ha già riscontrato nel pubblico, è stato ulteriormente potenziato: due nuovi punti d’interesse in Realtà Virtuale, che combinano riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, consentono una completa immersione nell’antico Campo Marzio settentrionale dove è possibile assistere, da una posizione unica e privilegiata, alla ricostruzione di un sacrificio romano. Un’implementazione che arricchisce la narrazione e crea un impatto emozionale veramente profondo nel pubblico.

Immersi in un ambiente a 360° i visitatori possono ammirare l’Ara Pacis mentre ritrova i suoi colori originali: una “magia” resa possibile da uno studio sperimentale realizzato nel corso di oltre un decennio e che ha portato a una ricostruzione ipotetica ma profondamente veritiera. E il colore non è la sola sorpresa ad accogliere i visitatori che possono infatti ‘galleggiare’ in volo sull’altare, planare sul Campo Marzio e assistere al sacrificio, compiuto dagli attori, pur rimanendo sempre al centro della scena.

L’uso della Realtà Aumentata fa sì che i contenuti virtuali appaiano al visitatore come “ancorati” agli oggetti reali, contribuendo all’efficacia, all’immersività e al senso di magia dell’intera esperienza.




L’ARA COM’ERA E IL PERCORSO DI VISITA

Il percorso di visita è articolato in 9 punti di interesse. Lo spettatore, indossando i visori Samsung Gear VR, è accolto dalle riprese a 360° dell’Ara Pacis di oggi per poi ritrovarsi avvolto in uno spazio bianco in cui individua il monumento nella sua colorazione originale e quindi innanzi ad Augusto, guida speciale del viaggio che sta per iniziare.

Dopo aver ascoltato la spiegazione dei vari monumenti si può ammirare il Campo Marzio dall’alto per poi ritrovarsi nell’area che comprende il Pantheon, i Saepta Julia, il Mausoleo di Augusto e l’Acquedotto, visibili in tutta la loro magnificenza. Dopo questo volo emozionale il visitatore è accompagnato davanti all’Ara Pacis colorata per assistere al rituale del sacrificio realizzato in 3D. Ultimato il rito, lo spettatore è infine riportato alla realtà per proseguire il percorso attraverso i dettagli dell’Ara Pacis.

Un’esperienza unica e imperdibile per visitare in modo diverso un monumento simbolo della Roma antica e moderna. L’uso della realtà aumentata e del colore rendono chiari, come mai prima d’ora, funzioni e significati di personaggi e oggetti rappresentati, in una visita che è soprattuto un vero e proprio viaggio nella storia di Roma.

INFORMAZIONI E BIGLIETTI

Info

 

 

 

060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00)

www.arapacis.it; #ARAcomera

L’ingresso è organizzato in piccoli gruppi contingentati

I visori non sono utilizzabili al di sotto dei 13 anni

Durata circa 45 minuti

Disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco

 

Biglietti

 

Intero € 12; ridotto € 10

prenotazione consigliata allo 060608

 

Promosso da

 

Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

 



Commenta