Skip to content

La cicala sull'amaca


La Rivoluzione Cubana negli scatti di Korda

La Rivoluzione Cubana negli scatti di Korda

Nel giorno della morte di Fidel Castro, voglio dedicare un post alla mia amata Cuba. Lo faccio attraverso gli scatti del fotografo Alberto Korda che della Rivoluzione Cubana è stato il grande testimone. Grazie alle sue fotografie oggi possiamo riviverne i momenti più intensi, in un viaggio nella storia di un mondo che oggi non c’è più.

Korda foto rivoluzione Cuba -Bimba con-bambola-di-legno
Alberto Korda_dal web

KORDA POR KORDA

“Vivevo una vita frivola quando, giunto a compiere i 30anni, accadde un evento straordinario che trasformò la mia vita: la Rivoluzione. Era questo il periodo in cui scattai questa foto di una piccola bambina che abbracciava un pezzo di legno come fosse una bambola vera. Mi dissi allora che sì, valeva la pena dedicare il nostro lavoro alla Rivoluzione che si proponeva di abbattere queste diseguaglianze” – Korda.

Korda foto rivoluzione Cuba - Fidel sulla Sierra maestra
Fidel by A. Korda_Foto dal web

FIDEL E I RIBELLI SULLA SIERRA MAESTRA

Nei primi giorni del Dicembre ’56 Fidel Castro e il piccolo gruppo di sopravvissuti al naufragio del Granma si rifugiano sulla Sierra Maestra, a SudEst di Cuba. La montagna ha una estensione molto vasta e culmina a duemila mt nel Pico Turquino, la punta più alta dell’isola. Da qui i ribelli ripartirono per combattere l’esercito di Batista.

Korda foto rivoluzione Cuba

I campesinos della Sierra Maestra coltivavano il caffè e allevavano bestiame ma per sopravvivere erano costretti a scendere a valle per la raccolta della canna da zucchero. Il salario era di un dollaro al giorno, non avevano né scuole né ospedali. Nonostante i timori appoggiarono subito questi ribelli perseguitati dal Governo.

Korda foto rivoluzione Cuba

Korda foto rivoluzione Cuba - Celia Sanchez

Celia Sanchez: segretaria e amica, madre e infermiera. Trasmetteva gli ordini, organizzava i documenti, preparava i pasti. Ugualmente esperta nel maneggiare le armi,  fu senza dubbio la donna più importante nella vita di Fidel, la prima donna a combattere coi guerriglieri.

A L’AVANA

Korda foto rivoluzione Cuba

Due anni e un mese dopo il catastrofico naufragio del Granma, il 2Gennaio 1959 i giovani ribelli entrano a L’Avana.

Korda foto rivoluzione Cuba Cienfuegos

“Il 26di Luglio del 1959, giorno di festa nazionale, Fidel invitò a L’Avana tutti gli abitanti delle campagne che arrivarono a migliaia per festeggiare sui loro cavalli. Camillo Cienfuegos, Capo di stato maggiore dell’esercito ribelle, guidava la cavalleria. Col suo sorriso e l’aspetto da Gesù Cristo divenne subito il preferito delle Habaneras” – Korda

Korda foto rivoluzione Cuba - Quijote

“Mentre Fidel pronunciava il suo discorso, un uomo salì come un gatto su un lampione e si accese tranquillamente un sigaro. Lo chiamai el Quijote de la farola” .

FIDEL POR KORDA

Korda foto rivoluzione Cuba - Fidel
Fidel by Korda_Foto dal web

“A parte quando legge, Fidel non passa mai più di 5minuti senza parlare con qualcuno. Non sa stare fermo senza far nulla. Non lo dico io, ma il suo stesso fratello, Raul”-Korda.

CONCLUSIONI

Tutti gli scatti e le note sono tratte dal libro Cuba por Korda. Io, personalmente, l’ho acquistato due anni fa a Cienfuegos. Era una calda mattina d’estate ed ero già a Cuba da qualche settimana. I festeggiamenti per la data della Rivoluzione si avvicinavano. Di fronte al mare si preparavano gli stand per la festa, l’aria era calda e profumata. Al governo c’era già Raul e le cose cominciavano a cambiare.

Mi piacerebbe tornare a Cuba. Chissà come la troverei oggi…

 

ARTICOLI CORRELATI: SCOPRI GLI ALTRI ARTISMI

2 comments

  • Roberta

    novembre 26, 2016

    Che foto! Quella della bambina è a dir poco spiazzante… E brava ad aver scritto un post su Castro e su Cuba proprio oggi. La notizia è quasi passata in sordina. Mah…

    • Lucilla

      novembre 27, 2016

      Amo Cuba per come l’ho conosciuta e per quello che ha rappresentato. Comunque la si pensi, il lavoro di Korda rimane una grande testimonianza.

Leave a Reply