Skip to content

La cicala sull'amaca


Barcellona: i quartieri più belli da visitare

Barcellona: i quartieri più belli da visitare

Città giovane ma dalle origini antiche, Barcellona è vorticosa, in continua evoluzione. In questa città non sono mai riuscita a percepire quell’animo ‘caliente’ più tipico del sud, eppure bisogna riconoscerlo, rispetto al sud è molto più proiettata verso il futuro. Culla del modernismo, patria di Gaudì, qui l’antico sposa il moderno e il sole scalda la terra mentre il mare la lambisce. Barcellona è una città che ha molto da offrire e va vista almeno una volta nella vita.

I MIGLIORI QUARTIERI DI BARCELLONA

Un aggettivo per definire Barcellona: efficiente. I bus come la metropolitana sono sempre puntuali. Muoversi qui è piuttosto facile. Strade e viali larghi e spaziosi, consentono di muoversi agevolmente anche in bicicletta.

Ai turisti mordi e fuggi consiglio di prendere il bus turistico: con una spesa inferiore ai 30€ potrete muovervi facilmente lungo il percorso cittadino più tipico.

BARRIO GOTICO

Nato sui resti del Barcino, l’antico nucleo romano di cui ancora si possono ammirare le mura, il quartiere si è sviluppato nel periodo Medievale acquisendo quel fascino che lo caratterizza.

Da percorrere obbligatoriamente a piedi, sarà di sicuro un piacere perdersi tra vicoli e stradine acciottolate. L’architettura gotica che contraddistingue il Barrio è famosa per le sue linee che puntano al cielo. Guardando all’insù potrete scoprire statue in pietra che vi spiano col loro sguardo torvo, vetrate colorate e magari qualche dettaglio sfuggito anche alle guide più esperte.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Barrio Gotico

Nel Carrer del Bispe non potrete fare a meno di notare il Puente del Obispo, forse l’elemento più fotografato di tutto il quartiere. Marta, la mia amica catalana, sostiene che baciarsi sotto al ponte porti bene alle coppie. Per ora con me sembra aver funzionato!

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Calle Obispo

Cosa vedere nel Barrio Gotico

La Cattedrale – Eretta tra il XII e il XV sec. è il simbolo del quartiere e sede dell’Arcivescovato di Barcellona.

Santa Maria del Mar – E’ famosa per il suo interno meraviglioso e soprattutto per essere un capolavoro di ingegneria acustica: qui si organizzano spesso concerti di musica classica e jazz.

Il Museo di Historia de la Ciutat – Meta ideale per gli amanti dell’arte, prevede un percorso che inizia nel sottosuolo per poi culminare in un interessante spettacolo multimediale, divertente oltre che istruttivo.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Santa maria del Mar
Foto dal sito: www.santamariadelmarbarcelona.org

IL DISTRETTO DI EIXAMPLE

Quando a metà dell’800 la vecchia città di Barcellona sembrava non poter più essere contenuta all’interno delle vecchie mura, si decise di attuare quello che tradotto è un vero e proprio ampliamento – eixample. L’idea era quella di progettare una città moderna, spaziosa, luminosa e arieggiata. Un quartiere dove la socialità fosse favorita insieme all’abitabilità.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Pasei de Gracia
Passeig de Gracìa

Cosa vedere all’Eixample

Il cuore di Eixample è Passeig de Gracìa, è qui che sono concentrate la maggior parte delle opere ed è qui che si sviluppa quella che è anche la via dello shopping più alla moda.

Tra le circa 150 opere in stile modernista, catalogate in questo distretto, non potrete certo mancare di notare quelli che sono i gioielli e il vanto di quest’area di Barcellona: Casa Batllo, Casa Milà (La Pedrera) e Casa Amatller.

L’architettura Catalana è unica al mondo e rimarrete affascinati dalle linee morbide che la caratterizzano. L’impronta surrealista di questi edifici colorati e sinuosi vi lascerà a bocca aperta.Quartieri di Barcellona cosa vedere _Casa Batlò

Nel distretto dell’arte non mancano anche interessanti gallerie come L’Opera Lounge in Calle Maiorca che offre la possibilità di esporre ad artisti giovani ed emergenti, non solo nel panorama spagnolo. Vi consiglio di andare a vedere.

La Sagrada Familia

Nella parte alta dell’eixample c’è il quartiere della Sagrada Familia. Fino ai primi del ‘900 questa era una zona popolare conosciuta col nome di el Poblet. Quando alla fine del 1800 cominciarono ad aprire il cantiere per la costruzione dell’omonima chiesa, qui c’era solo una grande distesa d’erba dove pascolavano le pecore.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Sagrada2
Sagrada Familia

Dopo più di un secolo la Sagrada Familia non è ancora stata terminata. Famosa per essere un ibrido di stili e di modelli architettonici, molti sostengono che il suo fascino risieda proprio nell’incompiutezza. Per saperne di più su questo monumento così particolare, visitate il sito ufficiale.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Dettaglio Sagrada

GRACIA

A una sola fermata di metropolitana da Paseig de Gràcia c’è questo delizioso quartiere che in realtà è una sorta di città nella città. La cosa curiosa di Gràcia è che è stata indipendente fino alla fine del XIX secolo e solo successivamente è stata inglobata alla città.

Mi piace molto Gràcia perché qui tutto è più piccolo, a misura d’uomo. Il quartiere è ospitale e caratterizzato dalla presenza di artisti, bar e caffè in cui rilassarsi sorseggiando una cerveza all’ombra di qualche albero. Sono presenti anche tanti ristoranti etnici.

A Gràcia tradizione e modernità si incontrano, regalando un’esperienza piacevole e genuina. I turisti sono rari e quindi, se vi va di rimanere un po’ fuori dai soliti circuiti, potrebbe piacervi soggiornare qui.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Gracia
Foto dal sito: your stay in Barcelona

Cosa vedere a Gràcia

Parc Güell è una tappa obbligata in un primo viaggio a Barcellona. La sua fama è mondiale e il suo fascino indiscusso. La sua particolarità risiede nel misticismo e nell’alone magico che lo avvolge. Se volete approfondire, leggete anche l’articolo Parc Güell, tra esoterismo e magia.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _scalinata

Sopra Parc Güell, oltre il Barrio di Gràcia, c’è il Tibidabo. Uno dei punti più alti della città offre la possibilità di godere di un panorama mozzafiato, di visitare l’imponente Temple de Sagrat Cor e soprattutto di prendere la suggestiva Tramvia Blau: un grazioso tram color blu risalente ai primi del ‘900 che collega l’Avinguda Tibidabo con la funicolare che porta fin sul monte. Un piccolo viaggio nel viaggio. Imperdibile.

Quartieri di Barcellona cosa vedere _Sagrat Cor
Temple de Sagrat Cor

Il parco è stato costruito nel 1889 e per i tempi era una sorta di Disneyland senza paragoni. La cosa incantevole è che tutt’oggi mantiene molte delle giostre originali ancora in funzione e questo dona all’esperienza un fascino che nessun parco tra quelli più moderni può regalare. Qui si trova anche il Museu dels Automates in cui poter ammirare antichi giocattoli meccanici, modellini e un plastico in scala del parco.

Giostra al Tibidabo.visitare Barcellona i quartieri migliori

BARCELONETA

La spiaggia è sicuramente l’attrazione principale di questo Barrio che è forse il quartiere più turistico della città. Ovunque troverete venditori ambulanti e graziosi chiringuitos: piccoli chioschi sulla spiaggia dove poter stuzzicare tapas e ascoltare musica dal vivo. Sorto in origine come umile quartiere di pescatori, è questa la zona migliore dove poter mangiare pesce: sono molti i ristoranti che si affacciano sul porto turistico.

porto de la Barceloneta-visitare Barcellona i quartieri migliori

Cosa vedere a la Barceloneta

Se alloggiate qui potrete arrivare in pochi minuti sulle ramblas o godere durante il giorno di attrazioni come l’Acquario (il più grande d’Europa) e la teleferica di Montjuïc (da evitare se soffrite di vertigini). A Montjuïc, tra l’altro, c’è la famosa Fontana Magica: la fontana si illumina di diversi colori seguendo la musica classica in sottofondo. Dicono sia imperdibile ma io ancora non sono riuscita a vederla.

Chi ama mangiare pesce o semplicemente girare per mercati, non può infine perdere una visita al Mercat de la Barceloneta. Rinnovato di recente è questo uno dei mercati più antichi della città. La struttura metallica, sempre in stile modernista, è ancora quella originale della fine dell’800.

visitare Barcellona i quartieri migliori_Mercat Barceloneta
Foto di Joan Antón Garcia i Carrera

Questa piccola guida di Barcellona non esaudisce tutte le proposte che offre la città ma vuole essere un punto di partenza per chi non c’è mai stato. Un ultimo consiglio? Passeggiate per le vie godendovi il sole e la brezza marina, assaggiate i churros con la cioccolata e fate tante foto: Barcellona vi accoglierà a braccia aperte.


IN PARTENZA PER BARCELLONA? ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO

cosa-vedere-a-barcellona-hola-bcn-card
Biglietto trasporti pubblici da 2, 3, 4 o 5 giorni
cosa vedere a Barcellona - sagrada familia
Ingresso rapido Sagrada Falmilia

4 comments

  • Iltuopostonelmondo

    giugno 30, 2016

    Complimenti per la guida! La descrizione della città è perfetta. Io nel mio articolo l’ho definita “camaleontica”, colorata e piena di meraviglie. A presto 😘

    • Lucilla

      giugno 30, 2016

      Grazie per i complimenti, che gentile! Barcellona si, è camaleontica. Ideale per persone di tutte le età, è veramente un bel mix di tradizione e modernità. Vado a leggermi il tuo pezzo. A presto!

  • Lucrezia & Stefano - In World's Shoes

    giugno 29, 2016

    Adoro Barcellona, ci sono stata due volte e non mi stanca mai!
    E’ bello ogni volta scoprire qualcosa in più di questa meravigliosa città… Il Barrio Gotico poi è spettacolare! <3

    • Lucilla

      giugno 30, 2016

      Ciao Lucrezia. Anche io a Barcellona tre volte ma non si finisce mai di scoprirla. Hai ragione il Barrio Gotico è veramente affascinante però Gràcia, con le sue piazzette ombreggiate e i piccoli bar di quartiere, è la mia preferita. 🙂

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: